Malattie delle Tartarughe Acquatiche – MOM Malattia Ossea

Tra le malattie delle tartarughe acquatiche (e anche per quelle terrestri) la MOM (o più tecnicamente chiamata malattia ossea metabolica) è di sicuro la più comune. In questo articolo approfondiremo le cause, gli sviluppi e le possibili “cure” per la malattia che deforma il guscio delle tartarughe d’acqua dolce. In particolare che cosa possiamo fare per migliorare l’alimentazione (principale causa) e come questa malattia influenza il comportamento delle tartarughe affette.

malattie delle tartarughe acquatiche

Malattie delle tartarughe acquatiche: la mom

La mom è tra le malattie delle tartarughe acquatiche più diffuse tra i neofiti. Non è una malattia infettiva causata da un virus o da un qualche battere; bensì trova terreno fertile nella cattiva alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce. In particolare un’alimentazione priva o carente di calcio con eccesso di fosforo e totale assenza di fonti uvb sono la ricetta perfetta per avere deformazioni al carapace. Ma vedremo gli effetti di quest’ultima nei prossimi paragrafi.

libro tartarughe acquatiche

Con questo libro sui rettili diventerai un esperto di tartarughe acquatiche imparando ogni cosa sul loro conto. Il libro è adatto ai neo proprietari ma anche ai più esperti. Può essere letto e compreso da bambini e adulti. Impara a prevenire le malattie, curarle e riconoscerle dai primi sintomi.
Vai alla scheda del libro

Nel dettaglio i fattori scatenanti sono diversi, come già spiegato tutti collegati o in riferimento ad un’alimentazione errata o ad impossibilità dell’animale nell’assorbire le sostanze nutritive (come per il calcio D3 in assenza di fonti uvb):

  • Carenza di calcio, spesso eccessiva, ed eccesso di fosforo, questi elementi nutrizionali devono avere infatti un rapporto preciso, in caso di eccesso o carenze è popolare ilo manifestarsi di deformità, calcificazione dei vasi sanguinei, gotta o altre malattie nutrizionali come la mom.
  • Carenza di Vitamina D , la vitamina d per le tartarughe acquatiche è necessaria per fissare il calcio nelle ossa; viene assorbita dalle tartarughe quasi completamente dal sole o dalle lampade UVB. E’ anche per questo motivo che le tartarughe che vivono all’aperto (godendo del sole) difficilmente possono contrarre la MOM.
  • Dieta ricca di ossalati, questi ultimi sono una sostanza contenuta negli spinaci e nei cavoli, questa sostanza lega il calcio in un modo che rende impossibile all’organismo della tartaruga acquatica di scomporlo e quindi di utilizzarlo per l’apparato scheletrico, carapace compreso.
In questo video parlo delle malattie delle tartarughe acquatiche comuni come la mom e la scud: non perdere nessuna informazione; guardalo!

Malattie delle tartarughe acquatiche: come si manifesta la MOM

Per quanto le fotografie siano chiare, è bene dire che una tartaruga affetta da mom è riconoscibile facilmente da un carapace deforme e innaturale. Dobbiamo sapere che la deformazione del guscio delle tartarughe malate è spesso accompagnata anche da una deformazione dell’apparato scheletrico interno. E’ proprio la deformazione delle ossa a causare seri problemi comportamentali e una riduzione dell’aspettativa di vita dell’esemplare. Ossa più fragili o deformi causano movimenti anomali nell’organismo e l’attivazione di muscoli che in esemplari sani non sarebbero necessari per attività come il nuoto, basking o alimentazione.

malattia ossea metabolica
in foto radiografia di un esemplare di trachemys scripta scripta affetta da mom

La deformazione è permanente, si può (in alcuni esemplari) alleviare con la crescita; soprattutto in caso di tartarughe giovani dove il processo di deformazione non è ancora definitivo e il proprietario interviene in tempo. Tra gli effetti negativi della mom possono inoltre manifestarsi difficile deambulazione e complicazioni nel nuoto derivata da una situazione scheletrica anomala. Ne consegue l’effetto più grave della Malattia delle tartarughe acquatiche: la riduzione dell’aspettativa di vita. E’ evidente che una tartaruga con una deformazione grave del guscio non possa arrivare ad una morte per anzianità senza incorrere in altre problematiche di salute.

radiografia carapace tartaruga mom
in foto radiografia del carapace di un trachemys con grave deformazione

Che cosa fare se la tua tartaruga è malata: malattia ossea metabolica?

Se guardando le fotografie pensi che la tua tartaruga acquatica sia malata non andare nel panico; la Mom è una malattia sebbene non sia curabile non causa direttamente e velocemente la morte degli esemplari affetti. Ovviamente se la tua tartaruga ha la mom significa che non sei stato un padrone perfetto e dovrai migliorare per il bene del tuo animale domestico. Ti consiglio la lettura del mio libro su come tenere una tartaruga d’acqua dolce.

Che cosa cambiare nell’allevamento della tua tartaruga? di sicuro dovrai migliorare l’alimentazione: ricordiamo che wrustel, prosciutto, pasta, pizza, patate, mangimi commerciali e gamberetti secchi non sono alimenti idonei alle tartarughe acquatiche. Ti consiglio di leggere questa guida su cosa mangiano le tartarughe d’acqua dolce.

Inoltre se la tua tartaruga d’acqua dolce è malata probabilmente è perché non hai una fonte o lampada uvb all’interno dell’acquario. Questa lampada è essenziale per il loro benessere poiché garantisce la giusta fonte di raggi uvb che permettono il deposito di calcio nelle ossa della tartaruga.

Ti consiglio i prodotti per tartarughe acquatiche che uso più di frequente, tra cui anche qualche soluzione low budjet:

Malattie delle tartarughe d’acqua dolce: le specie più a rischio

Tra le tartarughe d’acqua dolce ci sono sicuramente specie ed esemplari più suscettibili allo sviluppo della mom: mi riferisco principalmente agli esemplari giovani entro i 2 anni di età delle specie nordamericane. La malattia delle tartarughe d’acqua dolce che modifica il carapace lo fa principalmente durante la fase di crescita; è veramente raro che una tartaruga adulta accusi i sintomi di un’alimentazione scorretta manifestandoli con la mom.

Tra le specie più a riuschio abbiamo sicuramente trachemys scripta, graptemys pseudographica e khoni, mauremys reevesi, ocadia sinensis e in generale le tartarughe acquatiche facilmente reperibili in commercio.

La relazione tra il commercio al dettaglio e le malattie delle tartarughe acquatiche è molto concreta: i negozianti promuovono un alimentazione povera basata su mono-alimenti come i gamberetti essiccati. Sempre i negozianti promuovono anche una stabulazione in vaschetta o in piccoli acquari che per ovvie esigenze non devono essere troppo dispendiose ma che rappresentano delle trappole mortali per le tartarughe acquatiche.

Un’alimentazione scorretta o povera sommata alla stabulazione inadeguata solitamente creano il cocktail perfetto per il decesso di circa il 70% degli esemplari di tartarughe vendute. Il restante 30% crescerà con condizioni di vita e salute critiche fino a quando il proprietario non sarà informato a dovere su come tenere una tartaruga d’acqua dolce.

malattie tartarughe d'acqua dolce

Altre malattie delle tartarughe acquatiche:

Parlando di altre malattie a cui sono soggette le tartarughe d’acqua dolce possiamo approfondire brevemente la scud: ovvero la malattia cutanea ulcerativa setticemica. Questa malattia, al contrario della mom, colpisce più di frequente gli esemplari che vivono all’esterno in laghetti artificiali. Questo dato deriva dall’abbondanza e facilità di presenza e formazione di batteri e funghi all’interno di stagni, laghi e laghetti per tartarughe d’acqua dolce. La setticemia delle tartarughe acquatiche, abbreviata SCUD, è provocata da batteri e funghi, un’infezione prende il nome di malattia eziologica mista (ovvero mix di batteri e funghi).

Questa malattia è molto comune nelle specie appartenete agli emidi, trionichidi, pelomedusidi e kinosternidi allevati outdoor. I sintomi principali sono il manifestarsi di ulcere tonde e ovali sul piastrone del carapace degli esemplari adulti di tartarughe d’acqua dolce. Le ulcere sul guscio delle tartarughe possono inizialmente aumentare di numero per poi arrivare ad unirsi e creare delle super ulcere infette da materiale verde giallastro e maleodorante. In casi avanzati le ulcere possono addirittura premere sugli organi quali polmoni e fegato e in stati avanzati provocare anche la morte dell’animale; soprattutto in fase di quiescenza o letargo.

Come curare una tartaruga acquatica dalla scud?

Per curare una tartaruga acquatica dalla scud è essenziale isolarla dalle altre per evitare che contagi o infetti gli altri esemplari. Successivamente la visita dal veterinario accerterà il trattarsi di ulcere setticemiche che verranno trattate con:

  • pulizia delle aree infette
  • rimozione del materiale infetto o necrotico
  • Trattamenti locali con iodiopovidone, clorexidina e una terapia chemioterapica generale a base di chinolonici o altri rimedi antibatterici.

In generale per evitare che lo stadio dell’infezione aumenti è essenziale che le tartarughe acquatiche vengano sottoposte fin dai primi sintomi ad una visita veterinaria di un esperto in medicina esotica e non comune.

In generale correggere subito l’alimentazione della tartaruga d’acqua dolce dovrebbe limitare i danni relativi alla malattia ossea metabolica; patto che inseriate anche la lampada uvb. Per quanto riguarda la scud invece una cura antibiotica può salvare anche i casi più disperati patto che venga attuata su terapia di un veterinario esperto in animali esotici.

Se sei indeciso sullo stato di salute della tua tartaruga acquatica puoi sempre mandarmi una mail a tartaguida@gmail.com allegandomi le foto dell’esemplare.

La Malattia ossea metabolica delle tartarughe acquatiche è causata da un alimentazione scorretta, per avere maggiori informazioni riguardo la corretta alimentazione delle tartarughe puoi contattarmi su facebook, instagram e youtube.

Animali Esotici Miano è il più vasto e completo blog dedicato ai rettili e agli animali esotici fin dal 2019, Su AnimaliEsoticiMilano potete trovare notizie ed informazioni nell'ambito degli acquari, tartarughe acquatiche, testuggini terrestri, gechi, camaleonti, pogone, axolotl, rane... guide tecniche, fotografie, recensioni, news ed approfondimenti, su tecnica, biologia, ed eventi. TartaGuida è anche su tutti i social network, con oltre 10 libri pubblicati e la partecipazione a progetti ambientali, sociali e commerciali per la divulgazione delle corrette linee guida in ambito animali esotici e acquatici.

You may also like...

6 Responses

  1. milena salerno ha detto:

    buongiorno vorrei chiedere un informazione sulla mia tartarughina Clotilde,,, a proposito come si fa a scoprire il sesso?nell’Ottobre del 2020 era molto piccola, ora è diventata grande come una mano,le do da mangiare le sardine .Siccome sono2 tartarughe do un pesciolino pulito a testaPoi si sono presentate sulla testa delle macchie gialle sfumate cosa potrei fare?La ringrazio Milena Salerno

  2. Angela ha detto:

    Avevo 2 tartarughe acquatiche. Una è morta lo scorso anno e aveva circa 35 anni. L’altra ora sta male, ha la stessa età. Non mangia più e se messa fuori acqua non si nuove. Prima camminava veloce. Non mangia da questo autunno. Chiedo gentilmente cosa può essere e se dipende dall’età. Io le ho sempre tenute senza problemi per tutti questi anni.
    Ringrazio fin da adesso per lattenzione

    • Edoardo ha detto:

      Ciao Angela, mi dispiace molto per la situazione ma solo un veterinario esperto in animali esotici potrà aiutarti a capire la causa di questa apatia. Se invece sospetti che i problemi siano gestionali ti consiglio il manuale “Guida alle tartarughe acquatiche” lo trovi a questo link

  3. Angela Sammarco ha detto:

    Buongiorno, Rita la mia tartaruga ha una malformazione sul carapace, da un lato è gonfio e come se dei quadratini si sono sollevati e staccati è ha anche dallo stesso lato la gambette posteriore gonfia come se avesse una bolla, la veterinaria ha detto che ha un infezione e le sta facendo il baytril come antibiotico, mi sa dare qualche informazione perche la vedo peggiorata grazie mille.

    • Edoardo Fivizzoli ha detto:

      Ciao Angela, è un piacere conoscerti, purtroppo la situazione della tua tartaruga è una situazione medica veterinaria, ergo può aiutarti solo il vet esperto in rettili. Se hai bisogno puoi sempre richiedere un secondo parere ad un altro veterinario. Edoardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *